BACK
FUCILATO IN PIAZZA

BRASS EGON

Nato il 14 febbraio 1924 a Aidussina (GO)
Residente a Aidussina (GO)
Arrestato il 27 marzo 1944 a Bologna (BO)
Luoghi di detenzione: carcere di Bologna
Fucilato l'1 aprile 1944 alla Certosa di Bologna
nessun numero assegnato

Brass Egon, da Mario e Luigia Vilon, nato il 14 febbraio 1924 a Aidussina (GO); lì residente. Studente.

Trasferitosi a Monterenzio dopo esperienze di lotta partigiana nella sua zona di origine, fece parte del gruppo di giovani antifascisti e partigiani che a Monterenzio si organizzarono attorno al mulino De Giovanni e divenne fidanzato della figlia del mugnaio, Edera De Giovanni.

Con lei e alcuni altri tentò di prendere contatti con i dirigenti della Resistenza a Bologna. Il 25 marzo scesero in città lui, Edera De Giovanni, ed Ettore Zaniboni per recarsi all'appuntamento in Piazza Ravegnana davanti alla bancherella di penne stilografiche, gestita da Enrico Foscardi e Attilio Diolaiti, con un certo Remo Naldi, che si svelerà essere un infiltrato, ma che per messa in scena si farà arrestare insieme a Zaniboni. Negli stessi giorni a Savazza fu arrestato anche Ferdinando Grilli, altro cugino di Edera, e portato nel carcere bolognese di San Giovanni in Monte dove erano detenuti gli altri arrestati di Monterenzio, posti a disposizione del Questore. Furono interrogati e torturati dagli uomini della famigerata Compagnia Autonoma Speciale (CAS) comandata da Renato Tartarotti.

Brass risulta incarcerato a San Giovanni in Monte il 30 marzo 1944, con matricola 10162.

Nella notte tra il 31 marzo e l'1 aprile 1944 per ordine del Questore è prelevato dal carcere insieme a Edera De Giovanni, Attilio Diolaiti, Enrico Foscardi, Ferdinando Grilli e Ettore Zaniboni. Al gruppo venne detto che dovevano essere trasferiti al carcere di Castelfranco Emilia, ma il tragitto sarà assai più breve e arrivati al cimitero della Certosa di Bologna, saranno fatti scendere e dopo essere stati addossati ad uno dei muri di recinzione fucilati da un plotone della CAS comandato dal milite Renato Roncarelli.

Notizia dell'esecuzione fu data il 2 aprile dal quotidiano "Il Resto del Carlino" in un articolo dal titolo “Ferma ed energica azione contro le bande terroristiche”.

Egon Brass è stato riconosciuto partigiano dall'apposita Commissione regionale, con ciclo operativo dal 9 settembre 1943 all'1 aprile 1944.


FONTI PRINCIPALI:

- Dizionario biografico degli Antifascisti di Bologna e provincia

- Registri matricola del carcere di San Giovanni in Monte

 

 

Rif: FUCILATO IN PIAZZA-4332



Informativa sui Cookie | Cookie Policy