BACK
FUCILATO A SABBIUNO DI PADERNO

ZAMBELLI ELIO

Nato il 23 giugno 1923 a Castelfranco Emilia (MO)
Residente a Bazzano (BO)
Arrestato il 5 dicembre 1944 a Spilamberto (MO)
Luoghi di detenzione: carcere di Bologna
Fucilato il 23 dicembre 1944 a Sabbiuno di Paderno
nessun numero assegnato

Zambelli Elio, «Aldo», da Enrico e Stella Calanchi, nato il 23 giugno 1923 a Castelfranco Emilia (MO); residente a Bazzano (BO). Licenza elementare. Operaio.

Militò nella 63a brigata Garibaldi «Bolero» ed operò a Bazzano.

È arrestato il 5 dicembre 1944 a Spilamberto dalla Brigata nera, e in seguito condotto a Bologna per essere incarcerato a San Giovanni in Monte dal 12 dicembre, passando poi sotto autorità della Gestapo.

Per ordine del «comando tedesco SS»  risulta prelevato dal carcere il 23 dicembre 1944 per «essere tradotto altrove» con altri 20 detenuti. Saranno condotti in collina a Sabbiuno di Paderno e fucilati da militi SS. I loro corpi verranno fatti rotolare in fondo al calanco.

Anche se la sua salma non potè essere oggetto di riconoscimento tra quelle faticosamente recuperate a seguito della scoperta del luogo dell'eccidio, che avverrà solo nell'agosto 1945, anch'egli fu con ogni probabilità ucciso a Sabbiuno di Paderno.

L'apposita Commissione regionale lo ha riconosciuto partigiano, con ciclo operativo dal 15 giugno 1944 al 23 dicembre 1944.

È ricordato nel Sacrario in piazza Nettuno a Bologna e nel monumento di Sabbiuno.


FONTI PRINCIPALI:

- Registri matricola del carcere di San Giovanni in Monte

- Dizionario biografico degli Antifascisti di Bologna e provincia

ALTRE FONTI:

- Alberto Preti, Sabbiuno di Paderno, Dicembre 1944, Bologna, University Press Bologna, 1994

 

Rif: FUCILATO A SABBIUNO DI PADERNO-4116



Informativa sui Cookie | Cookie Policy