BACK
DEPORTATO POLITICO

TONELLI AMEDEO

Nato il 13 dicembre 1903 a San Giovanni in Persiceto (BO)
Residente a Francia
Arrestato il data ignota a Nizza (Francia)
Deportato a Buchenwald, Dora, Bergen Belsen
Non è sopravvissuto alla deportazione
nessun numero assegnato

Tonelli Amedeo, da Marco e T. Amalia. Nato il 13 dicembre 1903 a San Giovanni in Persiceto (BO).

Il Dizionario biografico degli Antifascisti di Bologna e provincia riporta le seguenti note.

Iscritto al PSI, partecipò alla guerra di Spagna nelle file delle forze repubblicane. Allo scoppio della seconda guerra mondiale si arruolò nell'esercito francese e partecipò alla campagna di Norvegia, distinguendosi nello sbarco di Narwik. Ritornato in Francia alla fine del 1940, continuò la lotta antifascista coordinando ed organizzando i gruppi di resistenza dei volontari italiani e costituendo il 4 novembre 1943 l'Association des volontaires italiens dans l'Armèe Francoise, di cui fu il primo segretario generale. Renitente al servizio del lavoro obbligatorio imposto dai tedeschi, fu arrestato, ma riuscì a fuggire rifugiandosi a Nizza, dove fu di nuovo catturato e deportato in Germania.

Giunge a Buchenwald, per ordine del BDS Paris (il comando di polizia tedesca a Parigi) il 24 gennaio 1944; primo numero di matricola: 42191; mestiere dichiarato: imbianchino/pittore/segretario.

È trasferito a Dora, dove giunge il 16 febbraio 1944, ricevendo la matricola 42191.

È quindi trasferito a Bergen Belsen l'8 aprile 1944, con la classificazione di Politisch, e dove, secondo documenti del lager riferiti in scheda dell'ITS Arolsen, risulta deceduto in data 15 maggio 1945 alle ore 04.00 per polmonite.


FONTI PRINCIPALI:

- Mantelli-Tranfaglia, Il libro dei deportati, vol. I

- Dizionario biografico degli Antifascisti di Bologna e provincia

- Buchenwald, schede dei prigionieri

Rif: DEPORTATO POLITICO-2284



Informativa sui Cookie | Cookie Policy