BACK
LAVORATORE COATTO

SABBATANI GIUSEPPE

Nato il 5 marzo 1899 a Imola (BO)
Residente a Imola (BO)
Catturato il 9 ottobre 1944 a Sesto Imolese (BO)
Luoghi di detenzione: campo Caserme Rosse di Bologna, campo GBA di Fossoli, Peschiera del Garda, Innsbruck, Berlino
Luoghi di lavoro nel Reich: Brandeburgo sulla Havel
È sopravvissuto
nessun numero assegnato

Sabbatani Giuseppe, di Raffaele, nato il 5 marzo 1899 a Imola (BO); lì residente.

E' catturato il 9 ottobre 1944 nella frazione di Sesto Imolese di Imola (BO) nel corso di un vasto rastrellamento tedesco che dalle 6 del mattino muovendo dalle località di Balia, Bettola e Sterlina passando di casa in casa preleva tutti gli uomini. Concentrati inizialmente in piazza, dove i più anziani vengono rimandati a casa, i rastrellati sono inviati in un centinaio a Medicina (BO) per essere oggetto di ulteriore selezione. Anche per effetto dell'intervento di un reggente del Fascio infiltrato dalla Resistenza circa la metà è qui rilasciata, mentre gli altri, oltre una cinquantina, sono avviati al campo di raccolta delle Caserme Rosse a Bologna, da dove in seguito vengono trasferiti al campo di Fossoli di Carpi, che dall'agosto 1944 è divenuto Sammellager (campo di smistamento) del GBA, il servizio del lavoro tedesco.

Dopo una tappa a Peschiera del Garda è inviato nel Reich per essere impiegato come lavoratore coatto insieme ad altri rastrellati imolesi. Passando da Innsbruck, giunge in un campo di transito vicino a Berlino.

E' quindi trasferito a Brandeburgo sulla Havel, dove secondo la sua successiva testimonianza è destinato al lager in località Marienpol (inesistente, forse è Marienberg, zona collinare al centro del capoluogo).

Vi rimarrà fino al 15 settembre 1945, quando è messo in partenza per il rimpatrio.

Raggiungerà la propria famiglia il 22 settembre 1945.


FONTI PRINCIPALI:

- Orazi, La deportazione nel Terzo Reich dall'archivio dell'Aned imolese

- CIDRA, archivio ANED Imola

 

Rif: LAVORATORE COATTO-3170



Informativa sui Cookie | Cookie Policy