BACK
LAVORATORE COATTO

MANDRIOLI ADELFO

Nato il 23 marzo 1903 a Minerbio (BO)
Residente a Minerbio (BO)
Arrestato il 18 giugno 1944 a Ca' de Fabbri di Minerbio (BO)
Luoghi di detenzione: Fossoli
Luoghi di lavoro nel Reich: Slesia
È sopravvissuto

Familiari coinvolti: MANDRIOLI MANLIO
nessun numero assegnato

Mandrioli Adelfo, da Angelo e Virginia Bertuzzi, nato il 23 marzo 1903 a Minerbio (BO); residente a Minerbio. Licenza elementare. Impiegato, assicuratore.

Dopo l'occupazione tedesca è arrestato il 21 novembre 1943 a Ca' de Fabbri di Minerbio dai carabinieri della locale stazione insieme ad altri otto antifascisti della zona, tra i quali il fratello Manlio, e con loro incarcerato a San Giovanni in Monte dal giorno successivo, con matricola 8540, a disposizione prima della procura poi dell'ufficio politico della Questura, con il seguente titolo di reato: «attività antinazionale e minaccia di rappresaglia a carico delle autorità locali se indiranno l'arruolamento dei giovani delle classi 1924-25»; sarà rilasciato con gli altri compagni l'8 dicembre 1943.

E' arrestato il 18 giugno 1944 a Ca' de Fabbri di Minerbio, anche questa volta insieme al fratello, e internato al campo di transito di Fossoli, dove riceve la matricola 2086. Nel Dulag carpigiano resta fino alla fine del luglio 1944, quando è inviato nel Reich come lavoratore coatto, giungend, insieme al fratello in Slesia, presso Breslavia (la polacca Wroclaw), dove rimarrà fino al 6 maggio 1945

Rientrerà in Italia il 3 agosto 1945 insieme al fratello.

Riconosciuto partigiano nella 4a brigata Garibaldi «Venturoli» dall'apposita Commissione regionale, con ciclo operativo dal 7 aprile 1944 alla Liberazione.


FONTI PRINCIPALI:

- Dizionario biografico degli Antifascisti di Bologna e provincia

- Archivio ANED Bologna, pratiche vitalizio

 


Rif: LAVORATORE COATTO-3305



Informativa sui Cookie | Cookie Policy