BACK
LAVORATORE COATTO

BRUGNOLI AUGUSTO

Nato il 20 agosto 1909 a Dozza Imolese (BO)
Residente a Imola (BO)
Catturato il 14 ottobre 1944 a Imola (BO)
Luoghi di detenzione: campo GBA di Fossoli, Verona, Innsbruck, Berlino
Luoghi di lavoro nel Reich: Vacha, Meiningen
È sopravvissuto
nessun numero assegnato

Brugnoli Augusto, di Antonio, nato il 20 agosto 1909 a Dozza Imolese (BO); residente a Imola (BO).

E' catturato il 14 ottobre 1944 a Imola nel corso di un grande rastrellamento tedesco che investì numerose strade e rifugi della città portando al fermo di molte centinaia di persone, parte delle quali fu concentrata nei cortili della fabbrica Cogne, dove alcuni giorni prima i lavoratori avevano protestato contro l'invio dei macchinari in Germania. Nei giorni successivi è inviato con gli altri rastrellati al campo di Fossoli di Carpi, dall'agosto divenuto Sammellager (campo di smistamento) per il GBA, il servizio del lavoro tedesco, da dove è messo in partenza per il Reich.

Dopo una sosta di alcuni giorni a Verona e una tappa a Innsbruck giunge Berlino, il 2 novembre 1944, in un campo di transito situato alla periferia della capitale, da dove, dopo quattro giorni, con alcuni altri imolesi, è trasferito in Turingia, prima in un campo a Vacha, poi a Meiningen, dove rimarrà come lavoratore coatto fino al 5 aprile 1945, data di liberazione da parte della Armata americana.

Rientrerà in Italia l'1 giugno 1945.


FONTI PRINCIPALI:

- Orazi, La deportazione nel Terzo Reich dall'archivio dell'Aned imolese

- CIDRA, archivio ANED Imola

 

Rif: LAVORATORE COATTO-3034



Informativa sui Cookie | Cookie Policy