BACK
LAVORATORE COATTO

BERNARDI ORAZIO

Nato il 14 novembre 1926 a Mordano (BO)
Residente a Mordano (BO)
Catturato il 5 ottobre 1944 a Sesto Imolese (BO)
Luoghi di detenzione: campo Caserme Rosse di Bologna, campo GBA di Fossoli, Peschiera del Garda, Innsbruck
Luoghi di lavoro nel Reich: Regensburg, Obernzell
È sopravvissuto
nessun numero assegnato

Bernardi Orazio, di Bruno, nato il 14 novembre 1926 a Mordano (BO); lì residente in località Bubano.

E' catturato secondo una sua dichiarazione il 5 ottobre 1944 ad un posto di blocco tedesco in località Crocetta di Bologna, e avviato al campo di raccolta delle Caserme Rosse a Bologna, da dove in seguito è trasferito con molti altri al campo di Fossoli di Carpi, che dall'agosto 1944 è divenuto Sammellager (campo di smistamento) del GBA, il servizio del lavoro tedesco.

Dopo una tappa a Peschiera del Garda è inviato nel Reich per essere impiegato come lavoratore coatto insieme ad altri rastrellati imolesi. Passando da Innsbruck, giunge a Regensburg, in Baviera, dove dal 19 ottobre è impiegato negli stabilimenti della grande azienda aeronautica Messerschmitt Gmbh. Successivamente, dal febbraio 1945, è trasferito a Obernzell, dove rimane fino al maggio 1945, quando a seguito dell'arrivo dall'Armata americana è inviato a Passau in attesa del rimpatrio, che avviene il 25 luglio. Raggiungerà i famigliari il 31 luglio 1945.


FONTI PRINCIPALI:

- Orazi, La deportazione nel Terzo Reich dall'archivio dell'Aned imolese

- CIDRA, archivio ANED Imola

 

Rif: LAVORATORE COATTO-3027



Informativa sui Cookie | Cookie Policy