BACK
FUCILATO A SAN RUFFILLO

BAZZANI ENRICO

Nato il 14 aprile 1918 a Savignano sul Panaro (MO)
Residente a Bazzano (BO)
Arrestato il 2 febbraio 1945 a Bazzano (BO)
Luoghi di detenzione: carcere di Bologna
Fucilato il 2 marzo 1945 a San Ruffillo
nessun numero assegnato

Bazzani Enrico, «Zigarella», da Vittorio e Gemma Francesconi, nato il 14 aprile 1918 a Savignano sul Panaro (MO); residente a Bazzano (BO). Colono.

Militò nel battaglione «Sozzi» della 63a brigata Garibaldi «Bolero» ed operò nella zona di Bazzano.

È arrestato a Bazzano il 2 febbraio 1945 e trasferito a San Giovanni in Monte a Bologna il 27 febbraio, quando risulta registrato con la matricola 13350, a disposizione del «comando tedesco SS», ovvero della Sipo-SD dell'Aussenkommando Bologna.

Per ordine dello stesso comando risulta in uscita il 2 marzo 1945 per «rilascio» insieme ad altri 10 detenuti. Condotti davanti al rudere della stazione periferica di San Ruffillo, saranno fucilati e sepolti sommariamente in alcuni crateri di bomba

L’eccidio sarà scoperto casualmente poco dopo la Liberazione e anche la sua salma sarà riconosciuta tra quelle portate al cimitero della Certosa provenienti dalle “fosse di San Ruffillo”, dove in 6 date tra il febbraio e il marzo furono 94 i detenuti del carcere cittadino uccisi segretamente da militi SS.

È stato riconosciuto partigiano dall'apposita Commissione regionale, con ciclo operativo dal 9 ottobre 1943 al 5 febbraio 1945.

È ricordato nel monumento in piazza caduti di San Ruffillo a Bologna.


FONTI PRINCIPALI:

- Dizionario biografico degli Antifascisti di Bologna e provincia

- Registri matricola del carcere di San Giovanni in Monte

- Certificati di riconoscimento/seppellimento 1945 in archivio Certosa di Bologna

ALTRE FONTI:

- Andrea Ferrari, Paolo Nannetti, L’eccidio di San Ruffillo. Repressione nazifascista a Bologna nell’inverno 1944-45, Bologna 1988.

 

Rif: FUCILATO A SAN RUFFILLO-4124



Informativa sui Cookie | Cookie Policy